Oasi Smeraldino

Rospo smeraldino

Rospo smeraldino

L’Oasi Smeraldino è costituita da oltre 22 ettari diversificata in habitat destinati alla tutela della biodiversità.
L’area su cui sorge oggi l’Oasi era in passato abbandonata e destinata a discarica. In dieci anni di tutela e valorizzazione del territorio sono state censite specie di elevato interesse faunistico e botanico.

 


VISITARE L’OASI SMERALDINO

Le visite guidate si svolgono ogni prima e terza domenica del mese, esclusi i mesi di agosto e gennaio.

L’orario varia a seconda della stagione e delle temperature.

Nelle altre domeniche si effettuano visite extra, laboratori, campi natura e iniziative a sorpresa.

Per tutto l’anno sono previste attività didattiche per scuole ed associazioni con fragilità.

Nei giorni di chiusura vengono effettuati dai volontari ripristini di sentieri, manutenzione dell’assetto vegetale e degli habitat dell’Oasi, censimenti, primo pronto soccorso della fauna selvatica sul territorio.

Per restare sempre aggiornati su ciò che facciamo e sulle iniziative in corso, consultare la nostra pagina Facebook (che, per chi non è iscritto, è visionabile anche dal sito web dell’associazione www.apenatura.it).

I cani non sono ammessi, nonostante li amiamo e li rispettiamo perchè spaventano la fauna selvatica che nell’Oasi trova la serenità che invece manca al di fuori.

Tutte le visite e le iniziative sono a numero chiuso e SOLO su prenotazione.

Per prenotare basta scrivere una mail a oasi.prenotazioni@libero.it

Alla visita guidata possono partecipare bambini che hanno superato gli 8 anni.

Questo perché è importante che siano disposti ad ascoltare nozioni non adatte a bambini troppo piccoli, a non vedere gli animali che non sempre sono visibili (gli animali vivono in libertà e la loro presenza la si coglie dai suoni, dai canti e dalle tracce), a  camminare per molto tempo (la visita dura circa 1 ora e ½ ) e a stare in piedi per tutta la durata della permanenza nell’area.

Se non abituati, queste restrizioni potrebbero risultare pesanti.

Per i bambini più piccoli, vengono organizzati eventi ad hoc e laboratori.

A seguito della vostra mail di prenotazione, vi risponderemo con un vademecum, cioè suggerimenti e consigli utili per poter fruire al meglio della visita.

I partecipanti sono tenuti a leggere il vademecum a tutti gli accompagnatori e ad attenersi alle indicazioni, ad esempio in merito ad abbigliamento (è vivamente consigliato abbigliamento di colori non vivaci: no bianco, giallo e grigio chiaro, ecc., gambe e braccia coperte vi proteggeranno dalle zanzare), scarpe da tennis o trekking. Tenere conto del fatto che potrebbero esserci zone molto fangose, perché l’Oasi è un’area con zone umide ed è un percorso naturale a tratti accidentato, con radici che affiorano dal terreno.

Preferire, se la temperatura lo consente, maniche lunghe, per proteggersi da zanzare, rovi ed ortiche (se si ha l’accortezza di mantenere il centro del sentiero non si corre questo pericolo, ma a volte può succedere).

Abbigliamento assolutamente sconsigliato: gonna e pantaloni corti a causa delle zanzare.

Munirsi anche di binocolo (non potendosi utilizzare per ragioni sanitarie quelli in dotazione all’Oasi) e di macchina fotografica.

È necessario fornirci un recapito telefonico per potervi contattare prontamente in caso di imprevisti o maltempo.

A causa delle tante richieste, bisogna farci pervenire la conferma di partecipazione entro 2 giorni dalla ricezione della nostra mail, altrimenti si resterà in attesa di posti liberi.

La partecipazione è gratuita, ma un’offerta LIBERA sarà molto gradita e permetterà ai volontari di portare avanti i numerosi progetti legati alla tutela degli habitat sul territorio.

Ricordiamo che l’Oasi non è uno zoo con animali in gabbia, ma un luogo selvatico dove vivono liberi. Pertanto è difficile vederli, ma è possibile coglierne la presenza attraverso i loro canti (per l’avifauna) e le loro tracce (i mammiferi).

Le condizioni per visitarla sono camminare lentamente, in modo silenzioso e seguire i consigli elencati.

A causa della pandemia, siamo tenuti a far rispettare un protocollo indicato da Federparchi:

  • E’ indispensabile il rispetto della distanza interpersonale e l’uso dei dispositivi di protezione personali, come da disposizioni ministeriali.

  • La mascherina dovrà essere indossata durante tutte le fasi della visita: durante le operazioni di ingresso e uscita dall’Oasi, nell’area accoglienza, durante la visita e nelle fasi di sosta per le spiegazioni da parte della guida. Questo perché non sempre è possibile mantenere le distanze.

  • igienizzazione delle mani:

al momento dell’ingresso le persone dovranno provvedere all’igienizzazione delle mani tramite gel; se non si è portato il proprio gel o salviettine igienizzanti, troverete all’ingresso un dispenser che potrete utilizzare.

  • divieto di partecipazione in caso di febbre

L’Oasi Smeraldino è gestita dall’associazione A.P.E. Natura odv, che ha iniziato ufficialmente la sua opera di riqualificazione dell’area naturale nel 2007, momento in cui l’Oasi è diventata anche un Punto Parco del Parco Agricolo Sud Milano. Da allora sono stati numerosi gli interventi effettuati per riqualificare il territorio dell’Oasi e per renderlo fruibile anche al pubblico.

A.P.E è un associazione animalista e ambientalista, attenta alla salvaguardia degli animali selvatici e dei loro habitat.

L’Oasi vive solo grazie alle donazioni e ai contributi mediante convenzioni con enti.

Per aiutarci è possibile :

  • diventare soci. Basta scrivere a info@apenatura.it per avere maggiori dettagli

  • fare una donazione tramite bonifico bancario

IBAN: IT44S0306933684100000061146

INTESTATO A:  A.P.E. Natura odv

o tramite PayPal (scegliendo l’opzione

🎁 fai un regalo”)

  • fare un’offerta durante la visita guidata

  • se si ha un’azienda o un’attività commerciale, si può aderire al “Fondo Green”. Chiamaci o scrivici per sapere come.

I fotografi che immortalano le meraviglie dell’Oasi sono: Luigi Andena, Pietro Rogantini, Massimiliano Maderna, Roberto Ciccardini.

INFO. apenatura@gmail.com

Tel. 338.8713.534

#parcoagricolosudmilano  #ritornoalparco  #oasinaturali  #biodiversity  #oasismeraldino

Nei giorni di chiusura vengono effettuati dai volontari ripristini di sentieri, manutenzione varia, censimenti della fauna nidificante ed eventi. Tieniti aggiornato sulla pagina Facebook.

OasiSmeraldino

Oasi Smeraldino

Per informazioni
Catia Acquaviva
Cell. 338.8713534
Mail: info@apenatura.it

Indirizzo
Via Monte Amiata, 38 bis
Valleambrosia – Rozzano – MI
Tel. 338.8713534

Come raggiungerci

Via Monte Amiata, 38 Valleambrosia – Rozzano – MI
Da Milano viale Missaglia: proseguire per via Curiel (verso il C.C Fiordaliso). Mantere la destra e svoltare in via Isonzo, sempre dritto passare 2 rotonde. Alla 3 rotonda tornare indietro nell’altro senso di marcia. L’Oasi rimane sulla destra.
Da Milano D.D Giovi (Pavese): alla rotonda per Rozzano (verso C.C. Fiordaliso) girare a sinistra. Sempre diritto, subito dopo la rotonda l’Oasi rimane sulla destra.
Da Tangenziali: svoltare a destra, alla prima rotonda a destra verso il C.C. Fiordaliso. Sempre dritto, subito dopo la 2 rotonda l’Oasi è sulla destra.